Le immagini dei prodotti sono puramente indicative e potrebbero pertanto non essere perfettamente rappresentative del packaging, delle caratteristiche del prodotto, differendo per colori, dimensioni o contenuto.

ANTIREUMINA*10 cpr

Leggi la descrizione completa
  • Codice 004172021
  • Casa farmaceutica TEOFARMA SRL
  • Brand n/d
  • Certificazioni ministeriali Farmacia di Bettolle

Servizio Clienti

Dal Lunedì al Venerdì: 9:00-13:00 / 15:00-18:00
Sabato: 9:00-13:00

Oltre 30.000 prodotti

Una vasta scelta tra più di 30.000 prodotti

Prodotti originali

Tutti i prodotti sono esclusivamente originali

Recensioni a 5 stelle

Più di 1000 recensioni a 4 e 5 stelle su Feedaty.com

Consegna gratis

Per ordini a partire da €59,90

Spedizione espressa

In 24/48 ore

Chatta con i nostri farmacisti

Whatsapp +393384446014

Sconto del 5%

Se ti iscrivi alla newsletter

Prezzo listino: €6,01
Sconto: - 8%
Prezzo Farmacia di Bettolle: €5,56
Risparmi: €0,45
Prezzo più basso negli ultimi 30 giorni : €6,01
Spese di spedizione calcolate al check-out.
Disponibile
Quantità:
Visualizza dettagli completi

Oltre 30.000 prodotti

Una vasta scelta tra più di 30.000 prodotti

Prodotti originali

Tutti i prodotti sono esclusivamente originali

Recensioni a 5 stelle

Più di 1000 recensioni a 4 e 5 stelle su Feedaty.com

Consegna gratis

Per ordini a partire da €59,90

Spedizione espressa

In 24/48 ore

Chatta con i nostri farmacisti

Whatsapp +393384446014

ANTIREUMINA*10 cpr

Prezzo listino: €6,01
Sconto: - 8%
Prezzo Farmacia di Bettolle: €5,56
Risparmi: €0,45
Denominazione
ANTIREUMINA

Principi attivi
Ogni compressa contiene: Principi attivi: Acido acetilsalicilico 275 mg Paracetamolo 175 mg Caffeina 25 mg

Indicazioni terapeutiche
Trattamento sintomatico di mal di testa, nevralgie, mal di denti, dolori mestruali, dolori articolari, stati febbrili e sindromi da raffreddamento.

Posologia
Adulti: da 1 a 4 compresse al dì. Non superare le dosi consigliate; in particolare i pazienti anziani dovrebbero attenersi ai dosaggi minimi sopraindicati. Il prodotto va assunto a stomaco pieno.

Conservazione
Conservare a temperatura ambiente.

Gravidanza ed allattamento
Gravidanza L'uso del prodotto è controindicato nel terzo trimestre di gravidanza. ANTIREUMINA contiene acido acetilsalicilico (ASA). Gli studi clinici indicano che dosi di ASA fino a 100 mg/die possono essere considerate sicure limitatamente ad un impiego in ambito ostetrico, che richiede un monitoraggio specialistico. - Dosi di ASA 100-500 mg/die. Ci sono insufficienti dati clinici relativi all’uso di dosi superiori a 100 mg/die fino a 500 mg/die. Quindi, le raccomandazioni di seguito riportate per le dosi di 500 mg/die ed oltre si applicano anche a questo range di dosaggio. - Dosi di ASA 500 mg/die e oltre L’inibizione della sintesi di prostaglandine può interessare negativamente la gravidanza e/o lo sviluppo embrio/fetale. Risultati di studi epidemiologici suggeriscono un aumentato rischio di aborto e di malformazione cardiaca e di gastroschisi dopo l’uso di un inibitore della sintesi delle prostaglandine nelle prime fasi della gravidanza. Il rischio assoluto di malformazioni cardiache aumentava da meno dell’1%, fino a circa l’1,5%. È stato ritenuto che il rischio aumenta con la dose e la durata della terapia. Negli animali, la somministrazione di inibitori della sintesi di prostaglandine ha mostrato di provocare un aumento della perdita di pre e post-impianto e di mortalità embrione-fetale. Inoltre, un aumento di incidenza di varie malformazioni, inclusa quella cardiovascolare, è stato riportato in animali a cui erano stati somministrati inibitori di sintesi delle prostaglandine, durante il periodo organogenetico. Durante il primo e il secondo trimestre di gravidanza, l’acido acetilsalicilico non deve essere somministrato se non in casi strettamente necessari. Se l’acido acetilsalicilico è usato da una donna in attesa di concepimento, o durante il primo e secondo trimestre di gravidanza, la dose e la durata del trattamento devono essere mantenute le più basse possibili. Durante il terzo trimestre di gravidanza, tutti gli inibitori della sintesi di prostaglandine possono esporre il feto a: - tossicità cardiopolmonare (con chiusura prematura del dotto arterioso e ipertensione polmonare); - disfunzione renale, che può progredire in insufficienza renale con oligo-idroamnios. la madre e il neonato, alla fine della gravidanza, a: - possibile prolungamento del tempo di sanguinamento, ed effetto antiaggregante che può occorrere anche a dosi molto basse; - inibizione delle contrazioni uterine risultanti in ritardo o prolungamento del travaglio. Conseguentemente, l’acido acetilsalicilico alle dosi > 100 mg/die è controindicato durante il terzo trimestre di gravidanza. Paracetamolo Una grande quantità di dati sulle donne in gravidanza non indicano né tossicità malformativa, né fetale/neonatale. Studi epidemiologici sullo sviluppo neurologico nei bambini esposti al paracetamolo in utero mostrano risultati non conclusivi. Se clinicamente necessario, il paracetamolo può essere usato durante la gravidanza, tuttavia dovrebbe essere usato alla dose efficace più bassa per il più breve tempo possibile e con la più bassa frequenza possibile.
Leggi tutto

Iscriviti alla newsletter

Subito uno SCONTO DEL 5% sul prossimo acquisto e resta aggiornato su novità e promozioni.

*Il Codice Sconto viene inviato per email ed è valido una sola volta per ciascun cliente con un minimo d'ordine di 59,90€ di prodotti non Stellina, Super Promo e altre promozioni.